LAURIN & KLEMENT 1906 RACE - CORSA CCR 812cc.


          La Storia del  Marchio LAURIN &  KLEMENT

La Storia di uno dei più importanti marchi costruttori agli albori della Motocicletta, inizia a Mladà  Boleslav  una piccola cittadina Boema a 50 chilometri da Praga, che ai giorni nostri (2016) conta poco più di 40.000 abitanti nella Repubblica Ceca, ma alla fine del 1800 apparteneva all'Impero Austro Ungarico, ed è anche per questo motivo che il marchio Laurin & Klement in alcuni testi viene considerato come Austriaco.  Nel  1885 il Meccanico  Vaclav LAURIN e il Libraio Vaclav KLEMENT entrano in società e decidono di avviare una attività per la costruzione di Biciclette con il Marchio "SLAVIA" , la limitata produzione che esce dalla piccola Officina-Bottega è di buona qualità e sin da subito incontra l'apprezzamento sia del pubblico che delle vendite, ma dopo solo 3 anni Laurin inizia anche la costruzione di Biciclette a Motore, i primi modelli avranno ancora il marchio "Slavia"  e utilizzeranno i Motori francesi "Werner", ma poco dopo iniziano una produzione propria di  Motori Monocilindrici  che porteranno sul Carter la scritta Laurin & Klement, anche se sul serbatoio resterà ancora la scritta "Slavia", questo marchio verrà abbandonato definitivamente durante i primi anni del 1900. Nel 1898 sempre  a Mladlà Boleslav viene costruito un nuovo Stabilimento che impiega 40 dipedenti e nel 1902 verranno prodotte e vendute 2000 Motociclette, e dal 1904 in poi saranno messi in produzione anche Motori "Bicilindrici a V" e l'anno seguente un "4 Cilindri in Linea" che otterrano importanti successi anche fuori dai confini nazionali, tanto che la L. & K. rilascie"Licenze" per costruire i suoi motori in Germania e al marchio francese  Alcyon.  Intanto nel 1905 la L. & K. inizia a rivolgere il suo interesse anche alla produzione di "Tricicli a Motore" mentre nel 1906 viene prodotta anche una "Vetturetta" e negli anni seguenti abbinerà la produzione sia di Motociclette che di Vetture, ma con il marchio L & K sono stati costruiti anche Autocarri, Autobus, Macchine Agricole, Rulli Compressori e Armamenti, fino al 1925 quando la produzione Laurin & Klement scomparirà definitivamente perchè si unial marchio SKODA.







   Nella Foto sopra i Ritratti dei 2 Fondatoria Destra l'Ingegnere Meccanico Vaclav LAURIN e sulla Sinistra
                      il Libraio Vaclav KLEMENT






Questo interessante e raro esemplare di Laurin & Klement  da "Competizione" modello CCR del 1906 con Motore a 4 Tempi a "V" di 812 cc. era in esposizione nello Stand "Bretti Brother's" durante la Manifestazione di Automotoretrò che si è tenuta presso il Lingotto di Torino nei giorni 12-13 e 14 Febbario 2016 ed è stata una delle numerose attrazioni per i quasi 65.000 vistatori che hanno affollato i Padigioni durante i 3 giorni 


Risulterebbe che questo Esemplare 110 anni fa superasse di poco i 100 Chilometri all'Ora ! 



motobici sottocanna Laurin Klement


Sopra, la Foto della vista Totale del Lato Destro con il Serbatoio dell'Olio a forma di "Siluro" posto sopra al Telaio  e il Serbatoio del Combustibile che è posizionato dietro al Motore, sul quale si "Intravede" ancora il Numero di Gara 128, mentre il Tubo che fuoriesce dal Serbatoio, e successivamente si sdoppia nei 2 Collettori  porta i "Vapori della Benzina"  prodotti dal "Carburatore a "Barbotage" sopra alle 2 Teste dei Cilindri del Motore.






motobici sottocanna Laurin Klement



Sopra, nella Vista Laterale Sinistra oltre ad evidenziare  una "certa Eleganza" di questa MotoBici da Corsa del 1906, possiamo vedere che il robusto Telaio è del tipo a "Culla" con un "Tubo di Rinforzo" sopra alle 2 teste del Motore, ed è privo di qualsiasi "Molleggio",  e che oltre ad avere una Lunghezza "Importante" è costruito con Tubi con una "Sezione di grande Diametro" ,  la Forcella è "Rinforzata" da 2 "Archi" posti sulla parte davanti, la Sella è Arretrata e Abassata  per consentire al Pilota una "Guida Bassa" atta a contenere la "Resistenza dell'Aria", il Lungo Tirante che attraversa in diagonale la Moto è comandato dalla Leva Destra del Manubrio (stando seduti) e aziona l'unico  Freno del "Tipo a Cerchietto-Nastro" posto sulla Ruota Posteriore, in ultimo i 2 Serbatoii : quello in alto a "Siluro" contiene l'Olio per lubrificare i Manovellismi  dell'Albero Motore, mentre quello posto al di sotto che riporta ancora parzialmente il "Numero 128 di Gara" contiene il Carburante.  




motobici sottocanna Laurin Klement



Nella Foto sopra la Vista del Motore lato Destro, in alto  da destra verso sinistra : la Pompa Manuale dell'Olio con in basso il Rubinetto, a metà la Leva che Apre-Chiude l'ingresso dei "Vapori di Benzina" sulle 2 Teste dei Cilindri del Motore, sempre in alto a Sinistra la Leva che aziona l'Alza-Valvola per facilitare l'Avvio o l'Arresto del Motore. Le 4 Valvole sono tutte "Comandate" : quelle di Aspirazione in alto tramite i Bilancieri e le lunghe Aste che si incrociano,  e quelle di Scarico in basso con le 2 piccole Molle di Richiamo che sono comandate dall'Albero Motore, sul quale è anche Calettato l'Ingranaggio che tramite la Catena trasmette il movimento al Magnete che è posto in basso dentro alla Culla del Telaio 



motobici sottocanna Laurin Klement

Nella Foto sopra della vista laterale Sinistra del Motore Bicilindrico a "V", possiamo vedere l'Ancoraggio dentro  al Telaio a "Cullafatto tramite i 2 Morsetti in basso e  con i 2 Bulloni sopra alle 2 Teste dei Cilindri che sono avvitati sull'Arco del rinforzo del Telaio, i Cilindri e  Teste del Motore  sono in un unico blocco in Ghisa e sono fissati in basso al Carter Motore mediante 8 Prigionieri con i relativi Dadi di bloccaggio. Nella parte bassa dentro alla "Culla" del Telaio è inserito il Magnete, che così in questa posizione rimane "Protetto" dalle eventuali asperitià del fondo Stradale, mentre la Puleggia che aziona la larga Cinghia Piatta in Cuoio è calettata  direttamente sull'Albero Motore





motobici sottocanna Laurin Klement



Sopra, vista dell'ampio Manubrio curvato e allungato all'indietro per permettere al "Pilota" una guida "Bassa", con le 2 lunghe Leve a "Bilanciere" che azionano quella di Destra il Freno a "Cerchietto-Nastro" sulla Ruota Posteriore, mentre quella di Sinistra è l'Acceleratore sul Carburatore che è del tipo a "Barbotage" *** , il Serbatoio dell'Olio a "Siluro" con il piccolo Tappo, e la "Pompa a Mano a Siringa" posta lateralmente, che manda l'Olio per lubrificare l'Albero Motore e le 2 Bielle nel Carter.    



*** "Il "Carburatore a Barbotage"

Molti termini usati in particolare per le Moto d'Epoca costruite a cavallo fra la fine dell'800 e inizio 1900 sono in francese, questo perchè sono stati proprio i francesi  che hanno avviato e prodotto in quantità industriale i  primi Tricicli, Quadricicli e a seguire MotoBici e Motociclette di varie cilindrate e tipologie. Il Temine "Barbotage" che tradotto letteralmente significa "Gorgoglìo" indicava il funzionamento di un "Carburatore ancora "Primitivo" in quanto privo di "Gigleur = Uggello-Polverizzatore" e che funzionava sfruttando i "Vapori" della Benzina ricavati facendo passare nel Serbatoio dell'Aria, questi "Vapori" venivano poi "Convogliati" tramite il Collettore di Aspirazione alla Testa - Cilindro del Motore, permettento la "Detonazione - Scoppio" necessaria per il funzionamento dei Motori.  





motobici sottocanna Laurin Klement


Sopra la Sella  a "Sbalzo" è molto arretrata e ancorata sul Parafango posteriore per permettere al Pilota di allungarsi sul Serbatoio dell'Olio per evitare la resistenza dell'Aria




motobici sottocanna Laurin Klement




Nella Foto sopra, possiamo notare le varie Curve del Telaio che permettono la libera Rotazione della Puleggia e della Cinghia di Trazione




motobici sottocanna Laurin Klement

La Foto sopra con in primo piano il Serbatoio a forma di "Proiettile" contiene l'Olio che tramite la Siringa viene "Spinto"  dentro al Carter per Lubrificare i Manovellismi del Motore,  sopra al Serbatoio del Carburante (sul quale si intravede ancora il N° 128 di Gara) è posta la Valvola che "Regola" la quantità dei "Vapori" che mediante i 2 Collettori di Aspirazione vengono introdotti nelle 2 Teste del Motore.  Il lungo Tirante posto in diagonale, aziona l'unico Freno del Tipo a "Cerchietto-Nastro" posto sulla Ruota Posteriore, questo Tirante e il Telaio sono "Sagomati" per permettere la libera Rotazione della Puleggia di Trazione su cui "Lavora" la Piatta Cinghia in Cuoio e sulla quale si vede anche il "Giunto" di unione della stessa. 





motobici sottocanna Laurin Klement


Nella Foto sopra il Lato Destro del Motore della Moto-Bici, sotto al Serbatoio dell'Olio, possiamo vedere in ordine da Sinistra a Destra : il Serbatoio del Carburante con l'Asta per controllare il Livello del contenuto, a fianco il Rubinetto sul serbatoio dell'Olio per evitare che la caduta gravitazionale riempia il Carter Motore quando il Motore è spento, la Leva-Manettino che aziona l'Alza-Valvola che permette di Avviare o Arrestare il Motore senza procurargli degli "Strattoni", e a fianco l'altra Leva-Manettino posta sul Collettore di Aspirazione che regola la quantità dei "Vapori" della Benzina in entrata alle Teste - Cilindri del Motore, sotto al Manettino la Lunga Asta che comanda il  Bilanciere della Valvola di Aspirazione e in basso la Valvola di Scarico dei Gas Esausti con il piccolo Silenziatore posto dietro alla Pedaliera Ciclistica, e a fianco la Catena che trasmette il movimento al Magnete.



motobici sottocanna Laurin Klement



Foto sopra con la vista della parte Destra del Motore, da Destra verso Sinistra : Pompa Olio Manuale a "Siringa" per lubrificare l'Albero Motore e le 2 Bielle, a seguire il primo Manettino regola l'Alimentazione dei "Vapori" ai 2 Collettori di Aspirazione alle 2 Teste dei Cilindri , e l'altro a Sinistra comanda l'Alza Valvole per facilitare l'Avvio e l'Arresto del Motore. 



motobici sottocanna Laurin Klement

La foto sopra del lato Destro del Motore permette di vedere a destra la Pompa Manuale dell'Olio a "Siringa" con il Rubinetto per evitare che a motore spento l'Olio finisca nel Carter per "Caduta Gravitazionale" e il Tubo che porta l'Olio ai Manovellismi dentro al Carter (Albero Motore e le 2 Bielle) il "Ricciolo" aveva la funzione di "Assorbire" le forti "Vibrazioni" che sovente
causavano la rottura dello stesso, in alto si vede il "Collettore di Aspirazione" con una inconsueta forma a "X" che permette ai "Vapori" della Benzina di raggiungere le 2 Teste dei Cilindri, sulle 2 Teste si vedono anche le 2 Valvole di Aspirazione che vengono azionate dalle 2 Lunghe Aste che comandano i 2 Bilancieri che scorrono dentro ai 2 "Occhielli" fissati ai Cilindri e che hanno anche la funzione di "Guida" , mentre i 2 Cilindri del Collettore di Aspirazione sopra alle Teste racchiudono all'interno le "Molle di richiamo delle Valvole di Aspirazione" le 2 Candele sono posizionate orrizontalmente all'interno dei 2 Cilindri, mentre alla base dei Cilindri si trovano le 2  Valvole di Scarico con le 2 piccole Molle che sono "Comandate" dalla "Camme" posta sull'Albero Motore all'interno del Carter, per ultimo il Tubo in Rame con il "Ricciolo" che si intravede in basso fra i 2 Cilindri è quello che dal Serbatoio posto sopra la Telaio, porta l'Olio alla Pompa a "Siringa" 



motobici sottocanna Laurin Klement



Sopra, il singolare piccolo e corto Silenziatore dei Gas di Scarico




motobici sottocanna Laurin Klement



Sopra, il Magnete è inserito e "Protetto" da eventuali sassi e asperità del fondo stradale, dalla Culla del Telaio





motobici sottocanna Laurin Klement



Sopra, l'unico Freno è sulla Ruota Posteriore ed è del Tipo "a Nastro"  con il Cuoio come materiale frenante, notare anche le 2 corte Pedane "Appoggia Piedi" saldate sui Dadi del fissaggio della Ruota al Telaio, che il Pilota utilizzava per "Allungarsi" quando era lanciato nei Rettilinei   





motobici sottocanna Laurin Klement

 
Sopra il dettaglio della Giunta della Cinghia di Trazione








motobici sottocanna Laurin Klement

Nella Foto sopra la Leva  a "Bilanciere" che si vede in primo piano sul Manubrio  (anche se nella qui foto è staccata) è quella che tramite il Tirante aziona la Valvola posta sopra al Sebatoio del Carburante e che Aumentando o Chiudendo la quantità di ingresso dei "Vapori" ai 2 Collettori di Aspirazione dei 2 Cilindri, esegue la funzione di vero e proprio "Acceleratore"  della Velocità della Motobici 







    Sopra,  questo esemplare Mono-Cilindrico di Laurin &                       Klement  è  esposto nel Museo Skoda










   Sopra, Foto del 1905 della veduta esterna dello                             Stabilimento Laurin & Klement 






    Foto sopra, una Laurin & Klement  "CCR" del 1904 simile al Modello illustrato sopra 





Sopra, all'epoca i "Guasti Meccanici" erano abbastanza   
  frequenti, anche con una Laurin & Klement che erano        Motociclette  di ottima qualità, ma forse era solo la  
                       Candela    "Bagnata"........





  Sopra una Pubblicità a Colori di una Laurin & Klement 
        con 4 Cilindri in Linea dei primi anni del 1900 



                                          



Sopra i Vari Marchi-Loghi utilizzati, da Sinistra :  SLAVIA, al centro LAURIN & KLEMENT e l'ultimo a destra  SKODA





Sopra un esemplare di Laurin & Klement Modello CM3D del 1904 con il Motore  "Bicilindrico a "V" da Turismo" similare a quello pubblicato qui sopra nel Blog 






Sopra, il marchio  Laurin & Klement  era più noto per le sue Motociclette, ma ha anche prodotto Auto di Qualità, come quella illustrata qui sopra del 1907 con "Motore Laurin & Klement a 8 Cilindri a V" che era uno dei vari modelli  del Marchio Boemo con Sede nella cittadina  di Mladà  Boleslav  





     Sopra Pubblicità della Vettura  L. & K.    Modello 110  




   Sopra Manifesto Pubblicitario delle Biciclette  SLAVIA 






Sopra la Pubbicità illustra "La messa in Moto" di una                                   Vettura Laurin & Klement 









             Sopra una bella Foto di una Laurin & Klement                      Bicilindrica e dei  Costumi d'Epoca 






Sopra, foto del 1905 con lo Stand della Laurin & Klement                                       in primo piano 


XX



XX




XX



XX




XX



XX


XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX